Our Blog

Condividi sui Social

Nelle pitture di Sario il dipinto deve dare spazio essenzialmente al colore. L’artista non dipinge secondo l’impressione del “tangibile” ma esclusivamente in relazione ai propri sentimenti interiori. Racconta dipingendo le cose solo dopo averle fatte proprie.

La sua pittura è istintiva ed immediata, il colore non rispecchia la realtà ma si basa sulle sensazioni che suscita.

Le pitture di Sario si ispirano all’Antica Pompei e ai colori vivaci che abbiamo ereditato: il rosso Pozzuoli, il Blu Ercolano, Il Rosso Pompeiano, l’Arancio Ercolano.

Riferimenti opera: Sario, Lungo la Notte, olio su cartone pressato, 70x100x5 cm, 2017

L’erba è morbida, un verde acceso contrasta con un immenso «buco» blu, bianche stelle illuminano una notte tranquilla. Un leggero chiarore sembra provenire da lontano e descrive una scena pacata e serena.

Dei guerrieri sembrano arrivati lì da poco, attraversano questo mondo magico, un paesaggio ideale che esprime sensazioni e visioni. È il viaggio di un’artista, un viaggio astratto in un mondo immateriale la cui storia dell’uomo attraversa il tempo in un lento ed inesorabile movimento. L’opera cita un’antica tomba sannitica, ora custodita a Nola.

Il paesaggio in movimento in questo caso richiama un viaggio onirico in cui l’artista si sfida la materia per dare entità ai propri sogni. Morte e vita, sogno e realtà sono lo specchio della stessa medaglia.

La fantasia è la base del sogno, il sogno è la base della vita.

Comments ( 0 )

    Leave A Comment

    Your email address will not be published. Required fields are marked *

    Lasciami un LIKE per sbloccare i contenuti I Leave me a LIKE to unlock content.
    60 seconds
    Translate »