Our Blog

Condividi sui Social

La Casa degli artisti di Gallipoli ospiterà la mostra “MATER AQUAE, simboli e miti del mare” fino al prossimo 27 settembre 2017.

L’evento culturale promosso all’interno della Galleria permanente dell’artista salentino Giorgio De Cesario è stato curato da Martina Santarsiero, pittrice bolognese la cui poetica estetica è strettamente legata alla spiritualità.

Le opere presenti in mostra (sculture, dipinti e disegni) sono state realizzate da ben 15 artisti e la location rappresenta un luogo unico ed originale. La casa museo è stata progettata dall’architetto ed artista De Cesario ed accoglie da oltre dieci anni turisti ed artisti in cerca di ospitalità e di esperienze artistiche uniche. Una casa per vivere dentro l’opera d’arte, questo è il motto del residence che dispone di camere e suites dedicate a grandi artisti del passato quali Mondrian, Van Gogh, Leonardo, D’Annunzio, Canova e Bach.

Gli elaborati artistici aprendosi verso una posizione di superamento del puro materialismo di tecniche e nuovi materiali approdano al recupero dell’inattualità della pittura e della scultura, intesi come capacità di restituire al processo creativo il carattere di un intenso erotismo, lo spessore di un’immagine che non si priva del piacere della rappresentazione e della narrazione del mito.

La serata inaugurale con vernissage del 16 settembre è stata allietata da letture di poemi e inni dedicati al mare. Come ha sostenuto la curatrice:

“Ho deciso di creare questo evento proprio per l’amore che nutro per il mediterraneo. Si può affrontare l’argomento sia in maniera concreta che spirituale. Concreto ed attuale, per esempio, è la questione dei migranti”.

L’evento si è concluso felicemente con un buffet biovegano a cura della pasticceria Vegane Raw Il Tempo di Momo di Lecce.

 

Comments ( 0 )

    Leave A Comment

    Your email address will not be published. Required fields are marked *

    Lasciami un LIKE per sbloccare i contenuti I Leave me a LIKE to unlock content.
    60 seconds
    Translate »