Genius Loci, un dialogo tra presente e passato.

Senza l’esperienza vissuta degli opposti, non ci può essere l’esperienza della totalità.

L’opera intitolata “Amore e Senza titolo” allude in maniera ironica al rapporto tra le due figure: una classica in atteggiamenti femminili compiacenti all’occhio maschile ed un’altra raffigurata con un abito le cui tinte e i cui richiami geometrici si perdono all’interno dello sfondo.

Inoltre la figura è ferma, immobile e non viene mostrato il volto. E’ messa in disparte, quasi emarginata o forse è semplicemente immersa in un atto meditativo. Essa appare lontana e di dimensioni minori rispetto alla divinità pagana. Rappresenta una scelta stilistica simile alle icone russe, i cui maestri davano forma e dimensione secondo regole ben definite.

L’essere e l’apparire

Il dialogo tra i due personaggi è la visione di due atteggiamenti verso la vita, l’intelletto e la fisicità si mostrano per quello che sono. Il richiamo geometrico intrinseco di tagli e spigoli rientra nella ricerca di tonalità vivaci e forti e l’artista. Egli prende in prestito le icone del passato appartenenti al proprio territorio. Instaura con esse un dialogo millenario che apparentemente sembra essersi interrotto. L’artista è il Genius loci, l’entità naturale legata al proprio luogo. Nel culto pagano è il Genio del luogo abitato e frequentato dall’uomo, esso si impossessa dell’artista e svela la memoria collettiva. Lo spazio e il tempo non vissuto vengono materializzati all’interno del quadro e l’artista diventa un veicolo di questa visione, ovvero l’archetipo.

Il racconto della propria terra

La storia del vesuviano, le cui fondamenta sono state forgiate dalla cultura greca e dalla laboriosa operatività del popolo romano, appartiene ad un popolo che da tempo si è smarrito nei meandri della società globalizzata.

Nell’immaginario dell’artista sono presenti gli affreschi e le mura degli scavi pompeiani, le ville vesuviane e oplontine che con i loro colori e le loro tracce sembrano reclamare un dialogo. E’ il passato che chiede di ricevere il presente e l’atto artistico configurabile nel presente non può farsi da parte.

Condivisi sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.